Chip TATUAGGIO: Controllo e schiavitù globale

Come ben sanno i nostri affezionati lettori, abbiamo più volte parlato della tecnologia “RFid” (Radio Frequency Identification) e dei pericoli che si nascondono dietro di essa.In rete continua incalzante l’attività di manipolazione dell’informazione legata a questo argomento da parte dei principali media i quali, essendo al servizio di chi possiede questa tecnologia, manipolano le menti dei più instillando gocce di falsa informazione affinché gli individui possano al più presto accettare questa tecnologia e tutto cio che ne deriva, meglio ancora se inconsciamente.


In questi ultimi 20 anni la moda del tatuaggio ha preso sempre più piede, soprattutto fra i giovanissimi che spesso vedono in un disegno impresso sulla pelle, l’icona della persona adulta, emancipata, ribelle e libera di esprimersi anche attraverso la propria pelle, con un marchio da mostrare a tutti con orgoglio. Le alte sfere dei governi, che hanno in mente folli piani di controllo totale degli individui attraverso l’impianto di microchip RFid sotto la pelle dei cittadini, devono aver pensato che questo fosse un’ ottima leva psicologica al fine di indirizzare la mente dei giovani verso la futura e prossima accettazione se non addirittura alla volontaria richiesta di “installazione” di un chip.Sì perché in questa fase si sta pensando di proporre, come alternativa al posizionamento del chip sottopelle, un “Tatoo Chip” ossia un microchip RFid talmente sottile (molto più sottile di un capello) da poter essere stampato con inchiostri conduttivi e poi integrato perfettamente sulla superficie della pelle, in bella mostra come se si trattasse di un vero e proprio tatuaggio che rischierebbe di rendere l’individuo che lo “indossa” completamente controllabile.
La propaganda messa in atto dalle lobbies che vogliono diffondere tale tecnologia si appoggia, oltre che su leve psicologiche come quella appena citata, anche sulla scelta mediatica diretta a mostrare solo i vantaggi teorici che potrebbe portare questa tecnologia se utilizzata sull’uomo.Quello che però si prospetta nella realtà ha un suono inquietante dai toni drammatici: addio alla tessera sanitaria, alla vostra cartella clinica, al denaro contenuto nei vostri portafogli e persino a quello contenuto nelle vostre carte di credito, addio al documento di identità, al nuovo e già vecchio Passaporto Elettronico e ai visti con i timbri dei paesi visitati oggetto di piacevoli conversazioni con gli amici, addio alla vostra privacy che già vendete ogni volta che firmate l’informativa sulla stessa, addio anche alla libertà di parola e pensiero.E se non siete d’accordo? Attenzione in tal caso potrebbero sempre spegnere il vostro Chip, cancellandovi agli occhi dello stato, vi farebbero cessare di esistere.

Un Microchip Tatuabile nelle sue componenti fondamentali
Risale a pochi giorni fa l’articolo di Repubblica che parlando del chip elettronico tatuato mette in evidenza quanto sarà facile per esempio monitorare in tempo reale le funzioni vitali dei pazienti che lo indossano, dimenticandosi però di evidenziare aspetti ben più inquietanti quali il fatto che molte delle persone che hanno accettato in via sperimentale l’utilizzo dei chip RFid sulla loro persona hanno poi putroppo sviluppato nella zona di impianto delle formazioni tumorali dovuti al continuo passaggio di radiofrequenze che giungono al tag (chip) per interrogarlo in tempo reale.Tali interrogazioni arriverebbero da una sorta di server centrale che invierebbe delle query tramite radio frequenze anche da distanze elevate nel caso di impiego di chip rfid attivi ovverosia alimentati da batterie o da altre fonti.
Sembrerebbe proprio quest’ultimo aspetto della comunicazioni a grande distanza tra la “centrale operativa” e il Tag che avrebbe indotto i ricercatori dell’università dell’Illinois, i quali stanno sviluppando continuamente la tecnologia RFid, a optare per un chip esterno, “tatuato” sulla pelle dell’individuo, che potrebbe presto risolvere il problema dell’alimentazione grazie all’impiego di micro celle fotovoltaiche che alimentando il chip consentiranno nel prossimo futuro di farlo comunicare a grande distanza.

Vi diranno qualsiasi cosa per convincervi ad essere i fortunati possessori dell’ultimo ritrovato della tecnologia, vi diranno persino che se qualcuno dovessere rapirvi la polizia potrà trovarvi e liberarvi in breve tempo, cosa che viene già ampiamente propagandata in Messico, dove è vero che i rapimenti sono all’ordine del giorno, ma dove purtroppo, con questo ed altri espedienti, diverse centinaia di migliaia di persone sono state indotte ad integrare un chip alla loro persona.

Gli articoli correlati a questo che avete appena letto possono essere un ottimo spunto di approfondimento per comprendere la portata e i pericoli di una tale tecnologia che già oggi si trova, purtroppo, in mani sbagliate, e non ci riferiamo ovviamente ai ricercatori dell’Università dell’illinois, ma a chi li sta finanziando con lo scopo di monitoare e controllare molto presto ogni aspetto della vita di una persona, persino quello finanziario, in una sorta di Grande Fratello nel quale i concorrenti sono purtroppo i normali cittadini che rischieranno di perdere la propria individualità di esseri umani diventando burattini comandati a distanza dalle lobbies che tirano le fila nel teatrino del mondo globale.

fonte: ilblazer.com

Leggi anche:
BBC: “PERCHE’ VOGLIO IL MICROCHIP”. Questa tecnologia diventerà comune come i telefoni?
Microchip neurale: Italia, Germania e Israele in prima linea per il Nuovo Ordine Mondiale
HAARP e MUOS inducono Anestesia Elettromagnetica: CONTROLLO MENTALE
Francia: all’asilo bimbi con il microchip
NWO e Transumanesimo: un chip impiantato sotto la calotta cranica ci trasformerà in Cyberman (Video)
Anche INTEL si prepara a impiantare il chip sul nostro corpo? (Video)
Inchiesta sul MARCHIO DELLA BESTIA e il NUOVO ORDINE MONDIALE: interpretazione passi Apocalisse, dettagli Piano Segreto per controllare l'Umanità
MICROCHIP SOTTOPELLE per curare i soldati americani
Il Pentagono vuole impiantare un piccolo chip sul cervello dei soldati americani
Notizia shock Stati Uniti: Puniti gli studenti che rifiutano i microchip 
L'azienda dove per lavorare devi farti installare un chip sotto alla pelle (Video)
Sconvolgente studio del Wit: 1 persona su 3 possiede un Chip-RFID anche senza saperlo
Chip TATUAGGIO: Controllo e schiavitù globale

Nessun commento:

Posta un commento