Il dottor Soresi: “Il pensiero ci fa guarire o ammalare”

La forza di volontà o la paura verso qualcosa hanno un potenziale enorme nel decidere le conseguenze delle nostre vite. Fino a che punto? Fino al punto di farci guarire o di farci ammalare. È questo quello che sostiene l'illustre oncologo, anatomopatologo e tisiologo Enzo Soresi, dopo 30 anni di ricerca e oltre 100 lavori scientifici. Ebbene sì: la nostra mente è così forte da potere guidare l'intero corpo verso l'auto-guarigione o – addirittura! - l'auto-malattia. Questo spiegherebbe da una parte tutte le guarigioni “miracolose” che la scienza e la medicina non possono spiegare e dall'altra quelle che vengono definite le malattie psicosomatiche.

«La nostra salute dipende da un network formato da sistema endocrino, sistema immunitario e sistema nervoso centrale e nell’encefalo c'è l’interruttore in grado di accendere e spegnere le patologie non solo psichiche ma anche fisiche», spiega il dottore.
Soresi c’è arrivato dopo aver visto gente ammalarsi o guarire con la sola forza del pensiero e lo spiega molto bene nel libro “Il cervello anarchico” (Utet).
Primo caso: «Ho in cura una signora di Milano il cui marito, integerrimo commercialista, la sera andava a bucare le gomme delle auto. Per il dispiacere s’è ammalata di tubercolosi. Io lo chiamo danno biologico primario».

Secondo caso: «Un agricoltore sessantenne con melanoma metastatico incontrò Madre Teresa di Calcutta, ricevette in dono un’immaginetta sacra e guarì. Io lo chiamo shock carismatico».

La tesi di fondo del dottor Soresi è che il cervello umano ha il potere di attivare (o disattivare) i meccanismi che il corpo umano – in quanto macchina perfetta – ha a disposizione per rigenerarsi e auto-guarirsi. Se la mente è serena, il corpo sta bene. Se la mente è stressata, il corpo si ammala.
Un altro esempio citato dal medico: «Una cara amica con bronchiettasie bilaterali. Antibiotici su antibiotici. Qual era il movente? Non andava più d’accordo col marito. Per due anni non la vedo. La cerco al telefono: “Enzo, mi sono separata, vado in chiesa tutte le mattine, sto bene”. L’assetto psichico stabilizzato le ha consentito di ritrovare la salute».
E ancora: «Colf di 55 anni, origine salernitana, tradizionalista. Mai un giorno di malattia. La figlia le dice: “Vado in Inghilterra a fare la cameriera”. Stress di 10 giorni, ginocchio gonfio così. La lastra evidenzia un’artrosi della tibia: non s’era mai attivata, ma al momento del disagio mentale è esplosa. C’è voluto un intervento chirurgico».

Così come un atteggiamento positivo e risolutivo nei confronti della malattia aiuta il corpo a guarire (a volte anche in modo inspiegabile secondo la medicina!), allo stesso tempo, lo stress abbassa le difese immunitarie e, di conseguenza, indebolisce la risposta del nostro corpo agli attacchi esterni. Guarda caso, anche qui la mente gioca un ruolo determinante nel decretare i nostri livelli di stress.
A rafforzare l'idea che il corpo possa guarirsi da solo (se solo la mente glielo lascia fare), il dottor Soresi afferma: «Non c’è limite alla plasticità cerebrale, non c’è limite alla neurogenesi. Esiste un flusso continuo di cellule staminali prodotte dal cervello: chi non le utilizza, le perde». E chi si stressa, rischia di non utilizzarle.

Il luminare milanese è giunto alle stesse conclusioni del dr. Marco Fincati, ideatore del Metodo RQI®, che va a lavorare proprio sui fattori di stress e, allo stesso tempo, pone attenzione all'aspetto mentale. Ma se da una parte Soresi si ferma a valutare l'importanza del cervello sia dal punto di vista fisiologico che dal punto di vista mentale, il Metodo RQI® fa un ulteriore passo avanti e affronta i problemi legati allo stress alla radice, distinguendo quello che è il pensiero conscio dall'inconscio.
Spiega il dr. Fincati: «A livello biochimico, è l'inconscio che ha la meglio sul pensiero conscio. Pensateci bene: nessuno, consciamente, avrebbe il desiderio di ammalarsi. Eppure ci si può ammalare con il nostro solo pensiero. E allora cosa non funziona? Quando il cervello conscio (che controlla solo il 5% della nostra vita) è in conflitto con l'inconscio (al quale è delegato il 95% delle nostre attività: respirazione, digestione, etc etc), ecco che si manifesta la malattia. E allora per guarire non basta più la (sola) forza di volontà.»
Attraverso una serie di tecniche appropriate, il Metodo RQI® riequilibra i due emisferi cerebrali e permette così all'inconscio di superare quei “traumi” che non gli consentivano il corretto funzionamento. E c'è di più. Spiega ancora il dr. Fincati: «Riequilibrando il dialogo interno tra conscio e inconscio, a trarne beneficio non è solo il nostro corpo, ma anche la nostra stessa qualità della vita. Tutte le persone che hanno applicato il Metodo hanno già sperimentato una maggiore consapevolezza che si è tradotta in un incremento di risultati in tutti i campi: professionale, affettivo, creativo.»

fonte: metodorqi.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube

Solar X-rays: status
Geomagnetic Field: kpstatus

Cubo di Shungite lucida
Il Cubo di Shungite garantisce una armonizzazione energetica a scatola, per le zone basse (dal pavimento fino a un'altezza di circa 70 cm.) Un cubo di shungite di 3 cm (svolge un'azione radiante di 2 m.) sulla vostra scrivania armonizzerà l'ambiente e creerà un'atmosfera calma e rilassante >>>>
Voto medio su 23 recensioni: Buono

Sacchetto con Tubetti di Ceramica EM - 90/100 gr. circa
La Ceramica EM - 90/100 gr. circa
Esplicano un effetto antiossidante e rigenera l'ambiente. L’acqua risulta purificata e vitalizzata. Esiste inoltre una sorprendente interazione con le radiazioni elettromagnetiche. Infatti la loro pericolosità viene neutralizzata dalla ceramica EM. Si nota sull’organismo umano, animali, piante, dove la ceramica EM, manifesta un’azione vitalizzante e vivificante >>>>
Voto medio su 87 recensioni: Da non perdere

Squatty Potty ®
Squatty Potty ®
Le toilet moderne sono molto comode, ma hanno un grave difetto: ci impongono di sederci. Sedersi per fare la cacca potrà anche essere considerato "civile", ma gli studi mostrano che la posizione migliore è quella suggerita da SQUATTY POTTY ®! >>>>
Voto medio su 87 recensioni: Da non perdere