Cura la depressione e l'ansia: Erba della medicina Ayurvedica

Lo sapevate che un’erba antica può combattere la depressione e l’ansia nel modo più efficace rispetto ai farmaci , senza effetti collaterali , aiutando anche nella protezione contro il cancro , le malattie del cervello e problemi sessuali?

Nelle regioni aride dell’India , dell’Africa settentrionale e del Medio Oriente , cresce una pianta con proprietà davvero notevoli . Un’ erba  utilizzata dalla medicina ayurvedica per oltre 5000 anni, indispensabile per la guarigione e per attivare il sistema immunitario. L’ashwagandha o ginseng indiano (Withania somnifera) proviene dall’ayurveda ed è uno dei più interessanti fitoterapici in circolazione, specie l’estratto secco in compresse o capsule. La radice di ashwagandha ha soprattutto proprietà toniche e adattogene (ovvero aumenta la resistenza dell’organismo ai più diversi stress psicofisici), ma anche interessantissimi effetti antinfiammatori e antidolorifici. Queste proprietà sono state confermate dalla moderna ricerca scientifica anche con studi specifici sull’uomo

Oltre 200 studi scientifici hanno rintracciato i benefici terapeutici del ashwagandha:

- Rafforzamento del sistema immunitario
- Migliora l’apprendimento e la memoria
- Ridurre l’ansia e la depressione
- Stabilizzare lo zucchero nel sangue
- Abbassamento del colesterolo
- Rigenera le cellule cerebrali
- Riduce l’infiammazione
- Protegge contro la malaria

Un efficace antidepressivo senza effetti collaterali, in quanto l’ashwagandha è un adattogeno naturale che bilancia e protegge il corpo da stress . La mattina aiuta ad aumentare l’energia , e di notte si ha un effetto calmante che aiuta in un sonno ristoratore.

Studi clinici hanno dimostrato che Aswagandha è altrettanto efficace come tranquillante e antidepressivo, per alleviare l’ansia e lo stress . Se assunto per via orale per 5 giorni , ashwagandha funziona come i farmaci antidepressivi tradizionali , ma senza gli effetti collaterali, eliminando l’ansia che tanti farmaci invece inducono.

I soggetti trattati riscontrano più energia , meno stanchezza , un miglior sonno e maggiore serenità, inoltre , i loro livelli di cortisolo si sono abbassati del 26 %. Consideriamo che il cortisolo è un ormone dello stress che ha dimostrato di essere d’aiuto nelle malattie autoimmuni, nel cancro, nei problemi di tiroide, etc.

L’ ashwagandha protegge il cervello e il sistema nervoso centrale da stress e tossine ambientali, questo significa che può aiutare nella battaglia contro le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

fonte

via: ambientebio.it

Nessun commento:

Posta un commento