Il silenzio attraverso le parole e il linguaggio parlato dall'Anima

Spesso il silenzio fa paura. Molta gente ha paura della solitudine e, di conseguenza, del silenzio. Non si riesce a vivere più senza il rumore, talmente ormai si è abituati al continuo dialogo interiore della mente che sembra non cessare mai

Proprio come un mitra spara a raffica i suoi colpi senza fermarsi, anche la mente fa andare a ruota libera i pensieri, spesso ripetendone alcuni in maniera ossessiva. In questi casi il silenzio diventa prezioso, un'oasi nel deserto delle aride parole prodotte da una mente incontrollata. E allora, come mai così tante persone hanno paura del silenzio e della solitudine?

Si ha paura del silenzio perchè, proprio in quel momento, si ha la possibilità di poter scrutare in fondo alla propria mente fino a ritrovare la connessione con la propria Anima. Se si ha paura del silenzio è perchè non si sa cosa farsene del vuoto al di là delle parole. Ecco perchè il silenzio fa più paura delle parole.

Il fatto è che nessuno ci ha mai educati a vivere il silenzio, a creare con esso uno spazio in cui ritrovare la fonte della nostra creatività. Il silenzio è il suono prodotto dall'Anima più evoluta. Solo chi ha imparato ad amare se stesso e la solitudine può ascoltare le note sublimi prodotte dalla sua Anima evoluta. E' proprio fra gli spazi vuoti fra le parole o fra i pensieri che dimora l'eternità.

Questo articolo di oggi ho voluto intitolarlo IL SILENZIO ATTRAVERSO LE PAROLE. Cosa c'entra il silenzio con le parole? Poco o nulla! Eppure, poichè si è talmente abituati a comunicare attraverso le parole, specie qui, da noi, in occidente, ecco che risulta di vitale importanza imparare il silenzio mediante la sua descrizione attraverso le parole.

Le parole non sono necessarie a chi ha sviluppato l'introspezione e l'osservazione di Se. Esse servono, invece, a descrivere la procedura di osservazione stessa e come portare a buon fine il lavoro su di Se. In questo caso, le parole non sono più inutili pensieri trasformati in suono attraverso la voce ma, al contrario, hanno il potere di comunicare le istruzioni necessarie che, se comprese e seguite correttamente, potranno offrire la possibilità di realizzare il silenzio.

Le parole sono l'opposto del silenzio. Ma, tuttavia, non sono sue nemiche, anzi. Sperimentare il silenzio non è semplice, occorre coraggio, capacità di mettersi in gioco, grande spirito di auto-osservazione senza giudizio. Per sperimentare il silenzio bisogna fare amicizia con la solitudine ed approfondire, al contempo, la conoscenza della propria Anima, del tesoro che ognuno di noi ha dentro di se ma che solo pochi hanno la fortuna di conoscere e godersi.

Si dice che i più grandi maestri in India stiano seduti su di una stuoia disposta per terra all'interno della loro dimora e che ricevano i visitatori alla ricerca della propria identità volgendo loro uno sguardo scambiato in totale silenzio. Dopodichè i visitatori escono solo dopo pochi minuti di contatto visivo, senza nemmeno scambiare con loro una sola parola.

Questi silenzi emblematici non sono capiti da tutti, non possono esserlo, specie da una cultura come quella occidentale, incentrata sulla parola quale mezzo di comunicazione, sia essa scritta o parlata. Del resto, a volte, solo conoscendo gli opposti si può fare una scelta. Di questo ne ho già parlato in un precedente articolo intitolato GLI OPPOSTI. Solo conoscendo il male, ad esempio, si potrà apprezzare il bene e, nel nostro caso, solo conoscendo le parole si potrà sperimentare il silenzio.

Il silenzio è il linguaggio parlato dall'Anima quando s'incontra con Dio. La solitudine non è altro che la conoscenza di Se, ecco perchè fa tanta paura! Solo chi sta bene da solo avrà l'opportunità di autoconoscersi ed evolvere! Chi cerca gli altri, luoghi affollati, feste da ballo, cene con tanti amici, a volte lo fa per evitare la solitudine e, di conseguenza l'autoconoscenza.

Non è sbagliato uscire e divertirsi, sto solo dicendo che lo si deve fare in totale libertà di azione e non come via di fuga dai propri conflitti irrisolti. Bisogna coltivare gli hobby, le amicizie e quant'altro ci piace senza mai dipenderne. Questo è fondamentale se si vuole crescere liberi e padroni della propria mente.

Amare il silenzio vuol dire cercarlo oltre le parole, creando degli spazi di riflessione che ci riconnettano col Tutto e ci mettano in comunicazione con il nostro lato divino portandoci, col tempo e la pratica costante, alla totale libertà dalla mente, diventandone padroni, non più servi.

La mente crea il tempo. Il tempo crea la sofferenza. Si sta male per il tempo. Si vive portandosi dietro le colpe del passato e le angosce per quello che potrebbe succedere nel futuro, abitando solo con il corpo il presente. Il tempo, così come le parole, hanno valore se utilizzati nel QUI E ORA in funzione di un risultato. Ma se si fa di loro un uso diverso, si rischia di perdersi in un tempo diverso dal presente e pieno solo di problemi irrisolvibili in quanto inesistenti proprio perchè NON ESISTE ALTRO TEMPO AL DI FUORI DEL PRESENTE.

Usiamo la mente, il tempo e le parole per realizzare risultati nei vari campi lavorativi, relazionali, sportivi e sociali in generale. Dopo aver usato la mente in funzione di un risultato, torniamo all'eterno presente coi suoi silenzi. Qui si trovano Dio e la creatività.

Vincenzo Bilotta

fonte: vincenzobilotta.blogspot.it
 
L'arte della Consapevolezza - Libro
Comprendere come il cambio delle prospettive si delinea attraverso la capacità di saper perdonare, il potere dell'ascolto, l'entusiasmo che ognuno dovrebbe manifestare nella propria vita portando fuori la propria parte divina. Gli argomenti trattati spaziano dalla fisica quantistica al collegamento tra il DNA e le emozioni, passando attraverso l'applicazione pratica della Legge dello Specchio e di quella dell'Attrazione
Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube

Solar X-rays: status
Geomagnetic Field: kpstatus

Cubo di Shungite lucida
Il Cubo di Shungite garantisce una armonizzazione energetica a scatola, per le zone basse (dal pavimento fino a un'altezza di circa 70 cm.) Un cubo di shungite di 3 cm (svolge un'azione radiante di 2 m.) sulla vostra scrivania armonizzerà l'ambiente e creerà un'atmosfera calma e rilassante >>>>
Voto medio su 23 recensioni: Buono

Sacchetto con Tubetti di Ceramica EM - 90/100 gr. circa
La Ceramica EM - 90/100 gr. circa
Esplicano un effetto antiossidante e rigenera l'ambiente. L’acqua risulta purificata e vitalizzata. Esiste inoltre una sorprendente interazione con le radiazioni elettromagnetiche. Infatti la loro pericolosità viene neutralizzata dalla ceramica EM. Si nota sull’organismo umano, animali, piante, dove la ceramica EM, manifesta un’azione vitalizzante e vivificante >>>>
Voto medio su 87 recensioni: Da non perdere

Squatty Potty ®
Squatty Potty ®
Le toilet moderne sono molto comode, ma hanno un grave difetto: ci impongono di sederci. Sedersi per fare la cacca potrà anche essere considerato "civile", ma gli studi mostrano che la posizione migliore è quella suggerita da SQUATTY POTTY ®! >>>>
Voto medio su 87 recensioni: Da non perdere