Allarme Pesticidi nel latte materno, le multinazionali mentono!

Mamme di tutto il mondo unitevi. I pesticidi stanno avvelenando il latte ricco di vita. Le menzogne fatte circolare dalle multinazionali agrochimiche sull’ innocuità dell’erbicida glisofate  hanno le gambe corte. Alcuni pseudoscienziati continuano a ripetere che la biotecnologia ci salverà, ma non è così, la verità è che ci sta avvelenando


I diserbanti a base di glisofate sono i più diffusi al mondo e spesso vengono usati nei campi coltivati con Ogm. Dal blog di Life Gate si apprende che un’analisi commissionata da Moms Across America e Sustainable Pulse ha svelato uno scenario terrificante. I controlli effettuati su alcune mamme statunitensi hanno rilevato che 3 campioni su dieci  di latte materno contenevano livelli di glisofate altissimi. Lo studio, inoltre, ha evidenziato come  il livello del glisofate individuato nei campioni di urina, sia risultato dieci volte più elevato rispetto alle stesse analisi effettuate in Europa. Secondo i promotori della ricerca la diversità dei dati va ricercata nell’alto numero di coltivazioni transgeniche presenti sul suolo americano.

Il test dimostra che il glisofate si accumula nel corpo. Questo dato non può essere sottovalutato, in quanto predice conseguenze nefaste per la salute.  I valori dell’erbicida sono scesi quando le mamme hanno tolto, per  alcuni mesi, dalla dieta il cibo Ogm e introdotto quello biologico. L’inganno della biotecnologia viene perpetuato dalla produzione alla vendita.  Colpisce trasversalmente tutta la popolazione. Nonostante ci siamo abituati al peggio la misura adesso è colma. Colpire il latte materno vuol dire corrompere la vita. Questo modello economico ci costringe a nutrire i neonati con il veleno. Nel momento del bisogno, appena nati, gli uomini del domani sono già sotto attacco.

E’ in atto una vera battaglia per la vita. Non ci rendiamo conto che le multinazionali agrochimiche  ci stanno togliendo il futuro, altrimenti le avremmo già fatte chiudere. Le conoscenze contadine di un tempo, frutto di un’esperienza consolidata negli anni, vengono soppiantate da una scienza senza morale. Ciò crea una profonda scissura con il passato, che ci tiene sospesi in un limbo. La Monsanto propone una tecnologia di morte, non pensata per il benessere dell’uomo ma soltanto per un’ élite mondiale. Il risultato è un ambiente inquinato e un corpo pieno di sostanze tossiche. Nell’articolo di Paola Magni si legge che Zen Honeycutt, fondatrice e direttrice di Moms Across America, ritenendo il latte materno la miglior scelta per le madri, esorta tutte le mamme a mangiare cibi biologici e soprattutto ad evitare carne, latticini, oli e cereali che vengono spruzzati con glifosato al momento del raccolto come agente di essiccazione. C’è molto da fare per il mondo, iniziamo dal tornare a produrre un cibo sano per il benessere di tutti.

fonte: primapaginadiyvs.it

Nessun commento:

Posta un commento