FOTO SHOCK DEL 1954 MOSTRANO COME È STATA COSTRUITA STONEAGE

Questo sito russo propone splendide foto di quello che sembra essere Stonehenge in costruzione. L’autore fornisce informazioni dettagliate su come il governo britannico, abbia costruito questo luogo di culto. L’autore sostiene, inoltre, che può essere una replica dell’originale. Le foto sono stupende, comunque.


Nota: Vi suggerisco di salvare una copia di queste foto.
Non si sa mai ...


L’autore fornisce alcuni, come lui li chiama, ‘fatti poco noti’:

1. Esercitazioni militari si svolsero vicino Stonehenge nel 1898

2. Da quel momento, fino alla seconda guerra mondiale, il Ministero della Difesa ha comprato grandi appezzamenti di terreno nella zona

3. Attualmente, il Ministero della Difesa possiede 390 chilometri quadrati di terreno nelle vicinanze di Stonehenge, alcuni dei quali sono chiusi permanentemente. Gli altri accessi sono fortemente limitati

4. In passato, nelle vicinanze di Stonehenge, sono stati costruiti ferrovia e aeroporto, entrambi successivamente rimossi

5. Nel 1943 il villaggio di Imber (15 km da Stonehenge) e il villaggio Par Hinton sono stati sfrattati. Su Imber si dice che da quel giorno il villaggio è sotto il controllo dei militari

6. A 2 chilometri a nord di Stonehenge sorge la Scuola Reale di Artiglieria, che conduce fucilazioni 340 (!) giorni all’anno

7. A 9 chilometri a sud-est, insieme con l’aeroporto militare, si trova il Defence Science and Technology Laboratory, il cui lavoro è altamente classificato

8. A 17 chilometri a ovest di Stonehenge c’è una base militare e l’aeroporto degli elicotteri da combattimento ‘Apache’

9. I prati verdi intorno a Stonehenge hanno acquisito valore scientifico (Sito di interesse scientifico), in quanto sono gli ultimi prati naturali d’Inghilterra e, forse, di tutta Europa.


Allora, secondo voi, cos’è mostrato in queste foto? Il restauro o la costruzione di Stonehenge?

Altre foto le potete vedere nel sito russo:

http://fishki.net/46388-stroitelstvo-stounhendzha-108-foto.html

via: luniversovibra.altervista.org

Nessun commento:

Posta un commento