Il papiro "Vangelo della moglie di Gesù": test provano che non è falso moderno

Il "Vangelo della moglie di Gesù" non è un falso moderno.

La conferma viene da test condotti nei laboratori di Columbia, Mit e Harvard sul piccolo frammento di papiro che riporta un brano in lingua copta con le parole:
"Gesù ha detto loro: 'mia moglie ...' - e poco sotto - Lei sarà in grado di essere mia discepola"



La professoressa Karen L.King della Harvard Divinity School  (ap)
L'esistenza del frammento, annunciata due anni fa da una storica della Harvard Divinity School, fece scalpore tra scetticismo, accuse di falso e polemiche teologiche.

Gli scienziati che ne hanno analizzato l'inchiostro e il papiro puntano adesso a una datazione tra quarto e ottavo secolo dopo Cristo.

"Non è la dimostrazione che Gesù ha avuto una moglie o che tra i discepoli ci fossero donne", ha detto Karen King, la storica della teologia che ha dato al papiro il suo nome:

"Ma adesso si può concludere con qualche certezza che tra i primi cristiani c'erano discussioni attive su celibato, sesso, matrimonio e discepolanza" (reuters)

fonte: repubblica.it

2 commenti:

  1. Se non ci fossero tanti pregiudizi e tanta arroganza intellettuale, si avrebbe constatato che quasi tutti gli Avatar ( discesa del Divino in forma umana) nel corso della storia del mondo a noi conosciuta, erano quasi sempre accompagnati da una figura femminile.

    RispondiElimina
  2. Ok stiamo parlando di un manoscritto datato 300 /800 anni dopo la morte di Gesù. ... non si può piu parlare di primi cristiani.... per favore leggete e accertartate voi stessi cosa dicela Bibbia e non basatevi su quello che insegna la chiesa o chi per essa

    RispondiElimina