Italia, Sovranità inesistente dal 1943: il tradimento dei Savoia e di Badoglio

Le carte segrete anglo-americane, parlano chiaro: i Savoia e Badoglio (artefice della disfatta di Caporetto) avevano già svenduto l’Italia ai cosiddetti “alleati” un anno prima. E infatti il 3 settembre del ’43 fu firmato l’armistizio corto, poi il 29 settembre la resa incondizionata


Il 9 settembre 1943, i Savoia, Badoglio e i generaloni dello stato maggiore tricolore fuggirono da Roma a Brindisi. E così lasciarono in balia degli eserciti stranieri ben due milioni di soldati italiani. Valga per tutti la strage di Cefalonia.


Tra il 9 e il 10 luglio 1943 iniziò l'invasione della Sicilia - non contrastata dalla Regia Marina, i cui alti ufficiali erano in massima parte fedelissimi al sovrano - e Palermo cadde nelle mani degli americani già il 22 luglio 1943, in virtù dell'accordo segreto con la mafia italo-americana che favorì lo sbarco. 

Il 10 giugno del '40 Vittorio Emanuele III aveva dichiarato guerra alla Gran Bretagna, ma aveva mantenuto i depositi di famiglia presso la banca dei suoi amici ebrei e massoni. Così i ragazzi italiani della generazione sfortunata - i nati fra il 1912 e il 1922 - furono mandati a farsi macellare in guerra da un sovrano che contribuiva con i soldi rubati al popolo a fabbricare e acquistare le armi con le quali sarebbero stati uccisi i nostri soldati.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=armistizio

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/08/niente-sovranita-allitalia-parole.html

di Gianni Lannes

fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it

leggi anche:
Italia senza Sovranità dal 1943: USA & MAFIA

Nessun commento:

Posta un commento