Perchè conservare la propria ricchezza durante una guerra finanziaria

Durante la Guerra Fredda gli Stati Uniti avevano abbastanza missili nucleari per distruggere la Russia e la sua economia, e la Russia aveva abbastanza missili da fare lo stesso nei confronti degli Stati Uniti.

Nessuno utilizzò quei missili e i leader furono molto attenti ad evitare una escalation che avrebbe potuto portare la situazione a quella conclusione. Proxy war vennero combattute in luoghi come Vietnam, Congo e Afghanistan, ma il confronto diretto tra Stati Uniti e Russia non avvenne mai


Non importava quanto devastante sarebbe potuto essere un "primo colpo" nucleare di uno o dell‘altro, il paese sotto attacco avrebbe avuto missili sufficienti per lanciare una massiccia "rappresaglia". Questo era ciò che si intendeva per "distruzione reciproca assicurata", o equilibrio del terrore. Nessuna delle due parti avrebbe vinto ed entrambe sarebbero state distrutte, quindi evitarono il confronto ed escalation.

Nella guerra finanziaria tra gli Stati Uniti e la Russia, esiste un simile equilibrio del terrore. E' vero che gli USA hanno potenti armi finanziarie che possono usare contro la Russia. Gli Stati Uniti possono congelare gli asset, di leader e oligarchi russi, che si trovano nelle banche degli Stati Uniti e nelle banche straniere che fanno affari in dollari. Gli Stati Uniti possono negare ai russi l'accesso al sistema dei pagamenti in dollari e l'accesso al sistema SWIFT in Belgio. Molte di queste tattiche sono le stesse utilizzate contro l'Iran e la Siria nella guerra finanziaria in corso in Medio Oriente e del Golfo Persico dal 2012.

Ma la Russia non appare, a sua volta, finanziariamente disarmata. I russi potrebbero rifiutarsi di pagare i debiti denominati in dollari a Stati Uniti e finanziatori multilaterali. La Russia potrebbe scaricare i miliardi di dollari in T-bond degli Stati Uniti, facendo così salire i tassi di interesse degli Stati Uniti e danneggiando i loro mercati azionari e obbligazionari.

Minaccia ancora maggiore, la Russia potrebbe scatenare i suoi hacker, tra i migliori al mondo, per far collassare la borsa degli Stati Uniti. Il 22 agosto 2013 il NASDAQ è crollato per una mezza giornata senza, ancora oggi, alcuna spiegazione credibile. L'eventualità di attacchi cibernetici da parte di siriani, iraniani o russi, non può essere esclusa. Potrebbe trattarsi di un segnale per gli Stati Uniti circa le potenzialita del nemico.

In breve, gli Stati Uniti non hanno alcun interesse ad intervenire militarmente in Ucraina e anche la loro risposta economica sarà minima, a causa dei rinnovati timori di ritorsioni finanziarie  provocate da russi e da altri. Putin ha pensato a tutto questo e ha preso la Crimea come suo premio.

Solo perché la guerra finanziaria tra Stati Uniti e Russia non andrà troppo oltre, non significa che la situazione in Ucraina non avrà un impatto sui mercati. I listini azionari non amano l'incertezza di qualsiasi tipo e le intenzioni della Russia per quanto riguarda il territorio ucraino non fara che alimentarne di ulteriore (incertezza).

La vittoria della Russia in Crimea potrebbe indurre la Cina a far valere le sue rivendicazioni territoriali su alcune isole nel Mar Cinese Meridionale, cosa che non farebbe altro che far aumentare le tensioni con il Giappone, la Corea, Taiwan e Stati Uniti.

C'è sempre la possibilità di un attacco finanziario lanciato per errore, che potrebbe causare, in modo non intenzionale, eventi fuori controllo.

Gli investitori potrebbero non essere in grado di influenzare queste complesse situazioni, ma non sono impotenti quando si tratta di salvaguardare il patrimonio. Una parziale allocazione delle risorse in asset come l'oro, vi aiuterà a tutelare il patrimonio di fronte ad una guerra finanziaria o eventi catastrofici inaspettati.

L'oro non è digitale, non può essere spazzato via dagli hacker ed è immune ai crash dei mercati azionari e ai fallimenti bancari. La Russia ha aumentato le sue riserve d'oro del 70% negli ultimi cinque anni. La Cina ha aumentato le sue riserve d'oro oltre il 200% nello stesso periodo di tempo. Sanno qualcosa che voi non sapete?

Saluti,

di James Rickards - Preserve Your Wealth in the Face of Financial War, James Rickards, The Daily Reckoning, 2 settembre 2014.

Traduzione per il Portico Dipinto a cura di Johnny Contanti.

fonte: ilporticodipinto.it

Nessun commento:

Posta un commento